I Mercati Finanziari al 12 Maggio e la paura di investire

I Mercati Finanziari al 12 Maggio e la paura di investire

 

 

Sotto trovate i risultati dei principali indici azionari del mondo.

12 Maggio 2017

12 Maggio 2017

Tranne il mercato Cinese, negativo dall’inizio dell’anno  (-3,86%) e quello Russo (-10.04% ), tutti gli altri indici sono fortemente positivi, eppure il Risparmio delle Famiglie, preoccupate a causa delle recenti vicende di alcune banche italiane, rimane investito nel mercato azionario solo marginalmente.

Le famiglie hanno ‘paura di investire ‘, come riporta l’articolo di Repubblica del 23 gennaio di quest’anno. Io direi invece che non sanno come investire perchè è difficile valutare, confrontare e quindi scegliere – al meglio – tra un vero investimento e prodotti venduti solamente per i  budget di chi li propone.

Cattura

 

E così circa un miliardo e mezzo di Euro fermi e inattivi sui conti correnti, a tasso zero, con bolli e spese varie.

Da una parte ciò sembra una scelta non solo comprensibile ma corretta e direi ‘salvifica’, ma in realtà si tratta di una non-scelta che ha le seguenti conseguenze negative:

  • Per effetto del bail-in, sono tutelati solo i conti correnti con giacenze inferiori a € 100.000
  • Tenere piccole o grandi somme fuori dai mercati significa perdere ogni occasione di buoni rendimenti ( vedere la tabella di metà maggio sopra riportata).
  • Quando ritornerà la ‘frenesia’ delle borse, ( e tornerà), allora gli ultimi arrivati entreranno a prezzi talmente alti che sarà difficile ottenere un risultato positivo, anzi, una perdita di parte del capitale sarà assai più probabile. ( Investitore emotivo) . E ricomincerà il ciclo!

 

E allora?

Al contrario di quello che si possa comunemente credere, oggi è più facile investire e/o collocare al meglio i propri risparmi. Basta uscire dal solito vecchio modo di pensare secondo cui solo la vecchia cara banca/posta/agenzia sotto casa possano risolvere questo problema. 

E se non è la vecchia banca, allora lo è

la banca di fronte/

nell’altra strada/

in piazza,

la banca ‘di sotto e quella di sopra’ ( come si dice in Urbania).

e così via per rimanere legati al vecchio concetto di banca/cassiere/direttore/filiale ecc.

Oggi i risparmiatori hanno la possibilità di scegliere tra ottimi professionisti del settore, tra ottime case di investimento in Italia e nel Mondo e usufruire di sistemi e piattaforme agili, moderne e sicure.

Perchè non farlo?

 

Informazioni sull' autore

Raffaella Paci

Consulente Finanziaria e Previdenziale da oltre 25 anni, regolarmente iscritta all' OCF ( Albo dei Consulenti Finanziari ) e Poliglotta per passione!

Lascia un commento