Già, pensatori originali, liberi. Ne abbiamo proprio tanto bisogno! Stiamo tutti ormai diventando omologati, tutti uguali; facciamo tutti la stessa cosa ,( perchè no? Anche nelle scelte finanziarie tendiamo a seguire il ‘gregge’) , andiamo in vacanza negli stessi luoghi, compriamo macchine sempre più uguali, anche nel colore!….

http://www.ft.com/intl/cms/s/0/4f56797e-b3ef-11e5-8358-9a82b43f6b2f.html

Faccio presente che i miei articoli non vogliono essere semplici traduzioni del testo ma contengono anche mie personali osservazioni sull’argomento. Per correttezza e per un vostro più attento ed autonomo esame, inserisco il link originale. 

Riprendo questo interessantissimo articolo di Simon Kuper del Financial Times, sul cui argomento ” Original thinkers” non ho mai trovato una riga nelle migliori testate italiane, volendo tutto ciò dire che – evidentemente –  noi Italiani preferiamo l’adeguamento al gruppo, piuttosto che l’originalità.

L’originalità non è ben accolta nella nostra società perchè essa può farci capire che anche noi comuni mortali potremmo esprimerci più liberamente e più in sintonia con il nostro essere, e questo sia in famiglia, al lavoro, che nella altre occasioni della vita. Invece, dice l’autore, ahimè, l’originalità è sottostimata, perchè oggi si valutano – per così dire –  le persone secondo la notorietà, la fama che raggiungono ( vedi cinema e tv) e i soldi che guadagnano o hanno accumulato e di cui fanno sfoggio.

Leader, Winner e Pensatori Originali non sono sinonimi

L’autore continua dicendo che leader e vincitori (” winner” ) non sono sinonimi di ‘original thinker’ . Infatti, alcuni  liberi pensatori non ricercano  ossessivamente premi e riconoscimenti (per lo più in denaro), pur spesso raggiungendoli, ma sono invece sempre impegnati in un lavoro entusiasmante,  appassionante, in altre parole originale,appunto!

The Winner Parade
The Winner Parade

 

 

 

Quanlunque siano e aree di attività, i liberi pensatori hanno in comune le  seguenti  caratteristiche:

  1. Trovano molto presto nella loro vita ciò che li appassiona. Come dice W.Buffett, che comprò la prima azione all’età di 11 anni, si crea così un ‘effetto valanga’, perchè, seguendo la propria inclinazione da piccoli, questa avrà più tempo e risorse per poter ‘esplodere’.
  2. I liberi pensatori tendono ad operare in autonomia. Il così decantato lavoro di squadra, qualora non sia portato avanti da persone mature ed attente, è solo  una caricatura del vero ‘spirito di gruppo’ e produce risultati negativi .Naturalmente, il libero pensatore non è un solitario, né tantomeno un egoista, al contrario. Si tratta di un diverso concetto di libertà. Per la grande Amy Winehouse, il successo era poter suonare con chi le pareva, indipendentemente dalle richieste delle case discografiche.
  3. I pensatori  originali riescono a guadagnare bene e a vincere premi, senza dover ingaggiare lotte estenuanti con budget, scadenze, paletti e pressioni di ogni sorta. Spesso non sentono il  bisogno del riconoscimento ufficiale degli altri, anzi a volte, lo rigettano in nome dell’autonomia della propria opera e raramente prendono decisioni guidate solo da  guadagni in termini economici.
  4. La cosa più importante, almeno per me, è che i pensatori originali sono eterni studenti. A loro piace imparare, conoscere, informarsi, perchè ‘non arrivano mai’ e si fanno sempre domande. Capiscono che tutto è mutabile e mai fisso e non si arroccano, come invece fanno spesso i vincitori alle proprie convinzioni.

 

 

 

Di nuovo, una citazione di  Warren Buffett:

buffet
W.Buffett

”il Vincitore ha a che fare con riconoscimenti esterni ,OUTER SCORECARD,”, cioè premi in denaro, riconoscimenti professionali, avanzamenti di carriera, targhe, coppe ecc

”Il pensatore originale ha invece a che fare con il merito che viene dall’interno, cioè con un INNER SCORECARD,”-

 

Il pensatore originale, ha il senso del proprio intrinseco valore:

Il senso cioè di dare il meglio di sè in ogni occasione, nei modi a lui/ lei disponibili, potendo raggiungere così una serenità ed una interezza di vita che nessun ‘insuccesso’ temporaneo potrebbe scalfire!

 

 

E voi vi sentite pensatori originali?

 

Anzichè rispondermi privatamente, potete farlo direttamente in questo blog, dopo esservi ‘LOGGATI’, cioè iscritti.

Con l’occasione, potete scaricare il prezioso e-book  sui termini inglesi e altre interessanti iniziative che presto lancerò

per gli ISCRITTI

Grazie.

Raffaella,.