Tutti i giornali e i telegiornali stanno pubblicando cifre e resoconti vari sul recente salvataggio delle banche in via di fallimento.Io vorrei solo aggiungere , per opportuna conoscenza, la lista di quei titoli , le obbligazioni subordinate, che saranno azzerate assieme ai titoli azionari. Ma, in quanto a cifre, mi fermo volutamente qui:

Bail-in


Come solito, vorrei analizzare invece altri aspetti di questa operazione partendo dal mio punto di vista professionale, ossia da chi, tutti i giorni, è vicino ai risparmiatori ed agli investitori. 4 i punti che ritengo essenziali:

  1. Assenza di una efficace vigilanza di Bankitalia e Consob – Ancora ieri Consob redarguiva le banche a che operino con più chiarezza quando ‘consigliano’ certi investimenti ai risparmiatori. Diverse volte nel passato recente ho sentito dire questa cosa, con i risultati che si vedono oggi, e cioè che gli ammonimenti non li segue nessuno , vedi Poste Italiane. Bankitalia e Consob non hanno vigilato, poichè molti sapevano che in quelle banche venivano fatte operazioni poco chiare e con indici di conflitto di interesse molto alti: tra l’altro, proporre i propri prodotti (azioni e obbligazioni) ai clienti non è consulenza.( Mifid I)
  2. Banche veramente vicine al territorio? Queste 4 banche oggetto di bail-in nostrano sono banche relativamente piccole e considerate radicate fortemente sul territorioVoglio ricordare che la sede di Banca Marche era stata spostata ‘inspiegabilmente’  da Jesi a Roma, e guarda caso, proprio là sono stati agevolati  loschi figuri e sedicenti imprenditori poi inquisiti o falliti o arrestati. Essere una banca ‘vicino al territorio’ sembra essere una buona cosa, perchè il direttore conosce di persona l’imprenditore o la famiglia che chiede un mutuo e dunque ci si aspetta che si comporti come un ‘buon padre di famiglia’. Nella realtà, e anche su questo concordo pienamente con Federico Fubini, vice-direttore del Corriere della Sera, quando si è sul territorio, poi, è più facile pilotare operazione a favore di un parente piuttosto che di un’ altra persona che si meriterebbe l’affidamento, a favorire un amico o l’amico di un amico, a scapito per esempio di giovani imprenditori senza le giuste conoscenze, e a scambiarsi solide poltrone tra i partiti di governo. Dunque, alte probabilità di discriminazione e di corruzione.  Quindi anche in questo caso, ‘piccolo’ non è bello, ma spesso ‘più corrotto’.                        
  3. Tutti sapevano che molti conti correnti , fidi o mutui venivano accesi previo acquisto di azioni e/o obbligazioni. Questa, che sembra una innocua pratica per i risparmiatori, non lo è per chi opera nel settore finanziario. Imporre i propri prodotti, non solo non è consulenza, come ho già detto, ma anche una forma di sottile ‘ritorsione’.’Di ho dato un fido, e tu compri le mie azioni’- Finchè vada tutto bene, tutti si ritengono  felici e contenti, ma i problemi sorgono quando ci sono i black swan, i cigni neri.( cioè avvenimenti  altamente improbabili , come trovare un cigno nero, ma comunque possibili, ( i cigni neri esistono, anche se sono rari !). L’enorme debito di queste banche ha scoperchiato operazioni già sanzionate per esempio da Bankitalia nel 2011 a Banca Marche, sotto il silenzio e la disattenzione generale..                                                                                                      
  4. E arrivo proprio al punto dolente, secondo me, riguardo il silenzio e la disattenzione generale che fa da contraccolpo alla ‘sorpresa’ generale di questi giorni! – Le azioni della Banca Etruria e di Banca Marche già da tempo avevano perso la qualsi totalità del loro valore e non erano nemmeno più negoziabili. – Due anni di commissariamento con un girotondo di proposte andate a vuoto – Notizie di arresti e avvisi di garanzia a pressochè tutti i alti dirigenti di Banca Marche – Scandali sulla buonuscita di Bianconi e sulle sue attività immobiliari all’estero e tanti altri miserabili comportamenti che non oso definire delinquenziali solo per prudenza (ancora il processo è in corso) e per rispetto verso i risparmiatori e i clienti di quella banca.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                            Anch’io sono sorpresa, ma della sorpresa!

Dopo tutte queste notizie come non si poteva almeno non avere qualche dubbio sulla solvibilità di banche, tecnicamente fallite? Certamente è stato un ‘cigno nero’:Black Swan

da decenni non si assisteva ad un crack bancario e tutti erano tranquilli perchè ‘tanto le banche non possono fallire’. Da oggi,l ‘amara pillola la ingoiare: le banche possono fallire e tra i ‘salvatori’ ci saranno gli azionisti e alcune categorie di obbligazionisti.                                                                                                                                                                                                                                         Faccio ancora mio il consiglio di Fubini: certamente gli organi di controllo preposti devono funzionare e le banche adeguarsi alla rigida normativa europea Mifid senza esitazioni, ma i clienti delle banche devono iniziare a scegliere accuratamente a chi affidare i propri risparmi. Noi lo abbiamo sempre detto e sostenuto da anni, da tempi non sospetti! Sembra un consiglio di parte, il mio, ma da consulente credo che non lo sia, perchè il mio ‘datore di lavoro’ è il mio cliente e non la banca.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                Come sempre è un cambio culturale difficile, ma vitale, specialmente per i giovani

 

 

Attendo le vostre domande, critiche, sollecitazioni ….

 

Raffaella Paci 

 

 

 

 

 

 

 

 

  1.